Agriturismo l’Aquila

L’agriturismo l’Aquila si trova in Sardegna nella provincia del Medio Campidano in un agro del comune di Arbus facente parte dell’area Sic, immerso nella macchia mediterranea, situato a pochi km dal mare

Nessun voto presente

Regione:

L’agriturismo è situato a 350 m di altezza dal livello del mare e gode di un bellissimo panorama a 360° con le dune e il mare Piscinas, la catena del Linas e  gli scorci delle spiagge di Gutturu, di Tunaria e Torre dei  Corsari. 

Il panorama che si gode dalle camere è fantastico!!

La prima spiaggia è quella di Portu Maga  e dista 7,5 Km. Volendo dall’agriturismo si può raggiungere la spiaggia, a piedi percorrendo 5 Km di sentiero in discesa. Le dune di Piscinas famose per essere il Deserto d’Europa distano 12 km,  La spiaggia di Torre dei Corsari dista 25 km con le sue  alte dune color oro.

Gli ospiti volendo al mattino possono seguire Pietro nello svolgimento dei vari lavori legati al ciclo produttivo dell’azienda come la mungitura fatta a mano,o la trasformazione del  latte in formaggio e ricotta, oppure la sera seguire le varie preparazioni culinarie di Ginetta e Marita.

La fattoria in cui è sorto l’agriturismo ha una storia di più generazioni che si sono susseguite nel lavorare la terra e allevare gli animali. La crisi che ha colpito il settore dell’allevamento e dell’agricoltura ha portato le regioni  a deliberare delle leggi che in qualche modo disciplinasse e promuovesse l’agriturismo integrandolo con l’offerta turistica regionale al fine di salvaguardare e valorizzare il patrimonio socio-economico, culturale e ambientale del proprio territorio e di promuovere lo sviluppo rurale.
Grazie a questa legge si sono attivati dei bandi regionali che hanno finanziato idee progettuali così da rendere l’azienda capace di offrire dei servizi di ricezione  e ospitalità senza stravolgere l’attività originale. 

Negli anni ’90, dopo tanti anni di esperienza di lavoro come agricoltori e allevatori,i proprietari  Ginetta e Pietro hanno sentito l’esigenza di  creare un’azienda multifunzionale che potesse coniugare appunto il lavoro tradizionale con l’ospitalità tipica di noi sardi. Nel 2000 “apre” o meglio si attiva l’agriturismo l’Aquila il cui nome è dato dalla presenza di questo maestoso volatile che vive nella zona. La struttura è predisposta in due piani:

La sala ristorante si trova  al pian terreno ed è dotata di 54 posti a sedere, arredata  in stile tipico sardo, in cui si trova anche un grande cammino dove durante l’inverno vendono arrostiti il maialetto ed il capretto arrosto, le due prelibatezze del nostro allevamento.

 La struttura è dotata di 5 camere al I ° piano : due doppie, due quadruple e una tripla. Al piano terra una camera doppia ad uso anche dei diversamente abili.

La cucina dell’agriturismo è semplice ma genuina, preparata con l’80% dei prodotti di nostra produzione. Ad iniziare dagli antipasti preparati con i nostri ortaggi e i nostri formaggi, i primi piatti rigorosamente preparati con  la pasta fresca preparata secondo ricette tradizionali, come i famosi  ravioli di ricotta, i malloredus  alla campidanese (gnocchetti), i culurgiones di patata, menta e formaggio, le tagliatelle e così via, ma vengono utilizzate anche altre paste tipiche sarde come la fregole,  o il riso prodotto a pochi km dall’agriturismo.

I secondi realizzati con carne di nostra produzione variano dal maialetto  o capretto arrosto,  capretto in umido o capra ai cardi selvatici. O capra o bistecchine di maiale arrosto. Il contorno di verdura arriva direttamente in tavola dall’orto di Pietro il padrone di casa…. Così anche per la frutta. Per i dolci ci pensano le mani esperte di Marita e Ginetta capaci di trasformare un semplice formaggio fresco nella più deliziosa Sebadas o la ricotta appena preparata in una speciale torta. O i dolci sardi capaci di stupire solo guardandoli. Per finire si potranno gustare gli amari tipici della cultura sarda come il Mirto, S’Abba ardente o volendo anche il limoncello, tutti  prodotti  in casa.

 

Dall’agriturismo è possibile raggiungere:

Il borgo di Montevecchio copre un vasto territorio che ricade fra i comuni di Arbus e Guspini. È situato a pochi chilometri dal mare della Costa Verde immerso in un meraviglioso e profumato bosco di lecci, rovelle e sugheri, che cela le antiche origini minerarie che hanno dato vita al vecchio borgo. In passato era il centro direttivo delle Miniere di Montevecchio, e ancora oggi le sue origini ne caratterizzano la vita, rendendolo un’importante esempio di archeologia industriale. Montevecchio, oggi abitato solo da qualche centinaia di abitanti, è la testimonianza ancora quasi viva di quella che fu la vita della Miniera fra magazzini, le laverie, i pozzi, gli alloggi dei minatori e degli impiegati fino alla palazzina della direzione. La Miniera di Montevecchio è uno degli otto siti minerari che compongono il Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna, ufficialmente riconosciuto nel 1997 dall’UNESCO come primo parco all’interno della rete mondiale dei Geositi/Geoparchi, istituita dall’UNESCO con lo scopo di tutelare e valorizzare il patrimonio tecnico-scientifico, storico culturale ed ambientale dei siti nei quali l’uomo ha utilizzato le risorse geologiche e minerarie.

 

Dove siamo

Arrivare da noi non è difficile. Da Cagliari percorrere la S.S 131 fino al chilometro 44 (Sanluri) uscendo in corrispondenza dell’innesto della SS 197, da percorrere in direzione Guspini, che si raggiunge dopo 24 km. Arrivati  a Guspini  seguire le indicazioni per Montevecchio e da qui proseguire  in direzione della Costa Verde—Marina di Arbus.

Dopo 5.5 chilometri circa, si svolta a sinistra su una strada con asfalto ecologico ma pare più sterrata in cui compare il cartello che indica la presenza dell’Agriturismo L’Aquila.

Proseguire per circa 2,4 km  sulla strada sterrata che  si svolge panoramicamente  intorno alla Punta Is Gennas (350 metri s.l.m.) e si arriva all’ Agriturismo.

Se arrivate da Oristano, Sassari, Olbia o dal resto della Sardegna, si lascia la SS 131 al km 67 all’uscita Uras - San Nicolo d’Arcidano. Si percorrono quattro km  prima di arrivare in quest’ultimo paese. Al semaforo si svolta a sinistra sulla SS 126 che conduce a Guspini, dove una volta arrivati si seguono le indicazioni per Montevecchio e si prosegue come sopra.

In ogni caso siamo a Vostra completa disposizione per delle indicazioni dettagliate o per eventuali tranfer o necessità particolari.

Telefonateci o mandateci un e-mail…..

tel: 3478222426
e-mail: ginetta.leo@gmail.com