Interfono moto: a cosa serve davvero

Non soltanto la possibilità di comunicare con il proprio passeggero

Nessun voto presente

Gli appassionati di moto sapranno molto bene di cosa di parla quando l’argomento è l’interfono.

Strumento utilizzato ormai da moltissimi anni per comunicare con il passeggero e, spesso, con gli altri motociclisti con cui si condivide il viaggio.

Probabilmente uno degli accessori più utili, l’interfono per moto può essere considerato indispensabile per rendere meno noioso il viaggio, soprattutto quando le strade percorse non permettono di poter godere di bellissimi scorci che spesso si ha la fortuna di incontrare in sella, ma anche per questioni di sicurezza grazie a comunicazioni che possono essere scambiate con gli altri viaggiatori che condividono la stessa passione e lo stesso tragitto.

Nonostante sia molto noto tra i centauri, viene ancora data poca importanza alla sua funzione considerata, erroneamente, un fattore secondario tra quelli che si prendono in considerazione quando ci si trova di fronte alla scelta degli accessori per moto.

Ci sono alcuni elementi a cui su due ruote non si può fare a meno: il casco, l’abbigliamento che permetta completa sicurezza e l’interfono, appunto, che lega con naturalezza il fattore sicurezza sulla strada con la possibilità di rendere più piacevole il viaggio, e non è cosa da poco.

 

Tipologie di interfono moto

Non esiste soltanto una tipologia di interfono moto, per la precisione se ne possono annoverare almeno 3 dalla loro entrata sul mercato.

L’interfono acustico permette la trasmissione del suono attraverso dei tubi collegati tra i due caschi. Il suo vantaggio è quello di essere economico. Lo svantaggio è quello di non poter regolare il volume.

L’interfono a cavo è dotato di una centralina a cui vengono collegati i microfoni oltre che gli auricolari del pilota e del passeggero. Il vantaggio è che non necessita di una batteria e lo svantaggio quello di permettere la comunicazione soltanto con il passeggero.

L’interfono bluetooth è la tipologia più recente e permette la comunicazione tra il pilota, il passeggero e un’altra o più moto. Il suo vantaggio è quello di poter collegare altri dispositivi anche se risulta essere più costoso degli altri.

 

I vantaggi dell’interfono moto

Non soltanto la possibilità di comunicare con il proprio passeggero e rendere così più piacevole qualche chilometro che altrimenti non lo sarebbe, l’interfono moto permette anche di scambiare informazioni utili sull’itinerario con gli altri viaggiatori con cui si è scelto di condividere il tragitto. Non basta, perché questo accessorio utilizzato principalmente dai motociclisti, ma anche da alcuni scooteristi che ne hanno intuito la comodità, permette anche di collegarsi al navigatore Gps, alla raccolta di musica Mp3 e allo smartphone per poter così parlare al telefono senza il rischio di possibili incidenti. Il consiglio, quando si tratta di telefono, è sempre quello di cercare di limitare le chiamate o se, possibile, rimandarle al momento dell’arrivo perché non fanno altro che creare distrazione che quando si guida non è mai ideale.